A villa Campolieto Ercolano in scena Riccardo III ed Amleto

Aggiornato il: set 7

12 e 13 settembre 2020 ore 21.00 #ShakespeareSummerDream


Riccardo III e Amleto a Villa Campolieto: un Week end all’insegna di William Shakespeare in uno dei luoghi più belli d’Italia.

Il Demiurgo chiude il 12 e 13 settembre il suo Shakespeare’s Summer Dream, il festival estivo dedicato a William Shakespeare. E lo fa Villa Campolieto, con la messa in scena di Riccardo III e Amleto.


Entrambi gli spettacoli andranno in scena alle ore 21.00: Riccardo III il sabato, Amleto la domenica. Il costo del biglietto sarà di 15,00 euro ma sarà possibile acquistare entrambi i biglietti in mini abbonamento a 25,00 euro.


L’estate Shakespeariana del Demiurgo volge dunque al termine, dopo aver visto 6 diversi spettacoli muoversi in 3 location diverse. Se il festival è cominciato tra le mura amiche del Castello Lancellotti, la conclusione invece è stata affidata alla magica cornice di Villa Campolieto, grazie alla collaborazione della Fondazione Ente Ville Vesuviane.


GLI SPETTACOLI

Sabato 12, dunque, sarà di scena un riadattamento del classico Riccardo III di William Shakespeare. La struttura è estremamente moderna, e la messa in scena originale e innovativa. 5 attori raccontano una storia immortale: attorno a un Riccardo III “di carne” si muovono 4 attori che, aleggiando come spettri, danno corpo alle sue ossessioni, divenendo Lady Anna, la regina Elisabetta, i fratelli Giorgio ed Edoardo, Il conte di Richmond… una immersione in una dimensione altra, onirica e immersiva.


Regia: Andrea Cioffi e Francescoantonio Nappi Dramamturgia: Francescoantonio Nappi con: Alessandro Balletta, Andrea Cioffi, Antonio D’Avino, Sara Guardascione, Franco Nappi Domenica 13 il gran finale del festival con l’Amleto. La storia è nota ai più: Ad Elsinore, in Danimarca, il fantasma del defunto re appare ad Amleto, suo figlio, e gli chiede di essere vendicato: ad ucciderlo è stato infatti il fratello Claudio che si è ora appropriato del trono e ha sposato la vedova moglie del re, Gertrude.

Il principe assicura di tener fede alla promessa ma, desideroso di avere la concreta prova della colpevolezza dello zio, decide di ritardare il momento della vendetta. La certezza che lo zio sia responsabile della morte del padre gli viene quando, durante uno spettacolo teatrale, mette in scena l’omicidio del defunto re e Claudio, indignato e al contempo impaurito, si alza e se ne va. Regia e Drammaturgia: Francescoantonio Nappi Con: Andrea Cioffi, Chiara Vitiello, Alessandro Balletta, Roberta Astuti, Nello Provenzano, Antonio Torino, Franco Nappi.

Lo spettacolo si tiene nell'esedra (cortile) di Villa Campolieto di Ercolano, Corso Resina 248. I posti non sono numerati.


Costo del biglietto:

Intero € 15,00, adulti (singolo spettacolo)

Ridotto € 10,00 (dai 4 ai 12 anni) (singolo spettacolo)

Miniabbonamento adulti: € 25,00, miniabbonamento bambini: € 16,00

CHIAMA E PRENOTA 3270148209

SCRIVI A info.demiurgo@gmail.com

PRENOTA IL TUO POSTO sul sito www.ildemiurgo.it


LA LOCATION

La villa fu fatta edificare a partire dal 1755 da Lucio di Sangro, duca di Casacalenda, che commissionò la progettazione ed esecuzione dell'opera a Mario Gioffredo; qualche anno dopo, per contrasti sorti tra l'architetto e i duchi #Casacalenda, questi ultimi gli revocarono l'incarico, nonostante fosse ad uno stadio avanzato dei lavori.


In un primo momento fu chiamato a sostituirlo l'architetto Michelangelo Giustiniani, ma poi l'opera fu affidata a Luigi #Vanvitelli che diresse i lavori dal 1763 al 1773, dando così la propria impronta con l'esecuzione di poche ma sostanziali modifiche al progetto originario; dopo la sua morte, gli subentrò il figlio Carlo, che portò a compimento la fabbrica nel 1775.


Dopo la morte di Lucio di Sangro, la villa fu ereditata dal figlio Scipione che morì nel 1805 senza lasciare eredi; la proprietà della villa fu divisa fra vari nipoti e ne cominciò un lento declino, culminato durante la seconda guerra mondiale con l'occupazione militare. Nel dopoguerra la villa fu affidata all'Ente per le Ville Vesuviane, fu restaurata dall'architetto Paolo Romanello e posta sotto tutela dalle leggi italiane come bene culturale di particolare interesse.


Attualmente ospita la Stoà - Istituto di studi per la direzione e gestione di impresa, ed è teatro di eventi culturali e sociali. Negli anni Ottanta del XX secolo è stata spesso teatro del ballo di fine corso dei cadetti della Scuola Militare Nunziatella.


Costo del biglietto:

Intero € 15,00, adulti (singolo spettacolo)

Ridotto € 10,00 (dai 4 ai 12 anni) (singolo spettacolo)

Miniabbonamento adulti: € 25,00, miniabbonamento bambini: € 16,00

CHIAMA E PRENOTA 3270148209

SCRIVI A info.demiurgo@gmail.com

PRENOTA IL TUO POSTO sul sito www.ildemiurgo.it




696 visualizzazioni1 commento
  • Facebook - White Circle
  • Instagram - White Circle
  • YouTube - White Circle